Dirigentiscuola-Sicilia sindacato di dirigenti scolastici

CALENDARIO SCOLASTICO REGIONE SICILIA A. S. 2018/2019

Scritto da Rosario Ognibene

Decreto di determinazione del calendario scolastico nelle scuole di ogni ordine e grado operanti in Sicilia per l'anno scolastico 2018/2019.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (2018-05-12-decreto-calendario.pdf)2018-05-12-decreto-calendario.pdf2692 Kb
 

NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO PRIVACY

Scritto da Rosario Ognibene

Dal 25 maggio saranno abrogate le disposizioni contenute nel D. lgs. n. 196 del 2003 relative alla privacy che andranno in conflitto con il nuovo regolamento che entrerà in vigore in quella data. Anche le scuole dovranno adeguarsi. Come tutte le altre amministrazioni pubbliche, le scuole dovranno nominare un Responsabile Protezione Dati che si occuperà delle politiche della privacy dell’istituto e che sarà responsabile, come il dirigente, di eventuali violazioni del regolamento. Tra gli adempimenti previsti l'adozione di un registro in cui inserire i dati degli utenti, sia che se ne venga in possesso in forma fisica che elettronica. Le sanzioni per eventuali violazioni coinvolgeranno anche i dirigenti scolastici e i direttori amministrativi. Saranno oggetto di cambiamento il riconoscimento del diritto alla portabilità dei dati, il diritto all’oblio, il diritto per gli utenti di essere avvertiti entro 72 ore in caso i loro dati siano stati violati, la responsabilizzazione dei titolari del trattamento.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Guida all applicazione del Regolamento UE 2016 679.pdf)Guida all applicazione del Regolamento UE 2016 679.pdf3196 Kb
   

Gli adeguamenti retributivi dei DS restano fermi al MEF

Scritto da Rosario Ognibene

La legge di bilancio ha stanziato 37 milioni di euro per il 2018, 41 mln di euro per il 2019 e 96 a regime dal 2020 per gli aumenti stipendiali dei circa ottomila DS che ne hanno diritto. L’aumento sarà a pioggia, dato che ad essere interessata è la retribuzione di posizione parte fissa. I dirigenti, però, sono ancora in attesa di tali adeguamenti stipendiali, circa 350 euro mensili da qui al 2020. Infatti, l’atto di indirizzo è ancora bloccato presso il Ministero dell’Economia. Probabilmente a causa del passaggio dal vecchio al nuovo esecutivo.  In ballo ci sono le risorse stanziate dalla scorsa legge di bilancio per armonizzare progressivamente la retribuzione di posizione di parte fissa a quella prevista per le altre figure dirigenziali del comparto Istruzione e Ricerca.

   

Conto Consuntivo Istituzioni Scolastiche e.f. 2017

Scritto da Rosario Ognibene

Il Dirigente Generale dell’Assessorato dell’Istruzione e Formazione professionale della Regione Siciliana, Gianni Silvia, con circolare n. 7 del 27/03/2018 ha diramato le indicazioni cui dovranno uniformarsi le Istituzioni scolastiche per la predisposizione e l’approvazione del Conto Consuntivo per l’esercizio finanziario 2017.

 

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (30-03-18-conto-consuntivo.pdf)30-03-18-conto-consuntivo.pdf1548 Kb
   

NoiPA, sospende il servizio fino al giorno 11 marzo 2018

Scritto da Rosario Ognibene

Comunicato: accesso a NoiPA

"Il portale NoiPA, arrivato ormai a tre anni di vita, ha la necessità di rinnovare alcune sue componenti. E lo fa per essere più stabile, per migliorare le sue prestazioni in termini di disponibilità dei servizi, per migliorare gli standard di sicurezza nell’accesso alla propria area riservata e ai propri dati.

Per questi motivi e per consentire gli interventi tecnici necessari all’attivazione delle nuove componenti, sarà necessario sospendere transitoriamente il servizio a partire dalle ore 18 di venerdì 2 marzo.

Nel corso della sospensione, il servizio di assistenza telefonica (Numero verde) rimarrà attivo ma non potrà risolvere richieste che necessitino ricerche nella banca dati del sistema NoiPA.

Il portale sarà nuovamente in linea a partire da lunedì 12 marzo".

   

Documento “Indicazioni nazionali e nuovi scenari”

Scritto da Rosario Ognibene

Educazione alla sostenibilità, Costituzione, digitale, pensiero computazionale, lingue: 
nelle Indicazioni nazionali di infanzia e primo ciclo più attenzione alle competenze di cittadinanza

Garantire a tutte le studentesse e a tutti gli studenti le competenze chiave per affrontare i cambiamenti e le sfide del loro presente, per proiettarsi al meglio nel futuro, per diventare cittadine e cittadini attivi e consapevoli, capaci di condividere valori comuni e di confrontarsi positivamente con l’altro. È l’obiettivo che si prefigge il documento “Indicazioni nazionali e nuovi scenari”, presentato al MIUR e frutto del lavoro del Comitato scientifico per le Indicazioni nazionali della scuola dell’Infanzia e del primo ciclo di istruzione, coordinato dal professor Italo Fiorin.

Il documento propone alle scuole una rilettura delle Indicazioni nazionali emanate nel 2012 ed entrate in vigore dall’anno scolastico 2013/2014 (sono il  punto di riferimento per la progettazione del curricolo da parte delle istituzioni scolastiche) attraverso la lente delle competenze di cittadinanza, di cui si propone il rilancio e il rafforzamento. Dalle lingue (quella madre e quelle straniere), al digitale, all’educazione alla sostenibilità, ai temi della Costituzione. Passando in maniera trasversale per le arti, la geografia, la storia, il pensiero matematico e computazionale. Questo anche in ragione delle novità che saranno introdotte nell’Esame finale del I ciclo in cui già da quest’anno si terrà maggiore conto, nel colloquio orale, delle competenze connesse alle attività svolte nell’ambito di Cittadinanza e Costituzione.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Indicazioni nazionali e nuovi scenari.pdf)Indicazioni nazionali e nuovi scenari.pdf735 Kb
   

SIGLATA L’IPOTESI DI ACCORDO RELATIVA AL COMPARTO ISTRUZIONE E RICERCA

Scritto da Rosario Ognibene

L'Aran e le organizzazioni sindacali hanno firmato l’Ipotesi di contratto collettivo nazionale di lavoro per quasi 1.200.000 dipendenti appartenenti al comparto Istruzione e ricerca, nel quale sono confluiti i precedenti comparti Scuola, Enti di ricerca, Università, Accademie e Conservatori. Il nuovo contratto si riferisce agli anni 2016, 2017 e 2018 e riconosce aumenti da 84 a 111 euro mensili in coerenza con l’intesa del 30 novembre 2016 tra il Governo e le organizzazioni sindacali. Il personale interessato riceverà in busta paga gli arretrati e gli incrementi stipendiali al termine dell’iter procedurale di controllo del testo contrattuale. Il nuovo contratto collettivo, in attuazione della Riforma Madia, ha operato una revisione del codice disciplinare dei dipendenti pubblici. Alla luce delle recenti modifiche legislative, è stato individuato un nuovo meccanismo per l’attribuzione degli incentivi economici al personale, che ha l’obiettivo di riconoscere premi aggiuntivi a coloro che abbiano ottenuto le valutazioni più elevate.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (IPOTESI CCNL 9-2-2018 ISTRUZIONE_RICERCA.pdf)IPOTESI CCNL 9-2-2018 ISTRUZIONE_RICERCA.pdf1225 Kb
   

Prossima convocazione per il nuovo CCNL la prossima settimana

Scritto da Rosario Ognibene

L’ARAN ha presentato un nuovo testo con alcune aperture alle richieste dei sindacati, anche se rimane la distanza sulle materie oggetto della contrattazione integrativa. Il testo, pur rappresentando un passo avanti rispetto alla prima stesura, non è soddisfacente perché limita ancora le materie da contrattare e mira a inserire nel CCNL dei paletti definiti dalla legge 107/2015 sull’uso del salario accessorio e sull’organizzazione del lavoro.  Permane la chiusura alla disponibilità di inserire nella contrattazione i criteri per l’organizzazione del lavoro. Di fatto il contratto è bloccato sia per la parte normativa che per la parte economica e appare difficile realizzare l'auspicio della Ministra Madia di poter chiudere il contratto in tempi brevi.

La prossima settimana saranno trattate le sanzioni disciplinari.

   

Contratto Istruzione e Ricerca - la trattativa proseguirà il 15 gennaio 2018

Scritto da Rosario Ognibene

  • L’ARAN attende di conoscere le annunciate integrazioni all’Atto di Indirizzo riguardanti gli stanziamenti aggiuntivi contenuti nella legge di bilancio per il 2018.
  • Il confronto tra le parti è incentrato sulla parte normativa non su un testo complessivo redatto ex novo e soltanto sulle clausole contrattuali da integrare o modificare rispetto al CCNL vigente.
  • Un obiettivo importante sarà quello di aumentare gli spazi di confronto non tralasciando il riconoscimento del lavoro di quanti sono impegnati nel settore.
   

Modelli di certificazione delle competenze per il primo ciclo – D.M. 742/2017. Trasmissione “Linee guida” e indicazioni operative

Scritto da Rosario Ognibene

 

Con decreto ministeriale n. 742/2017 sono stati adottati i modelli nazionali di certificazione delle competenze delle alunne e degli alunni del primo ciclo di istruzione, ispirati ad una preminente funzione formativa e di orientamento. Il decreto descrive le finalità e le modalità della certificazione e in allegato presenta i due distinti modelli di certificazione da utilizzare al termine della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado.

Le Linee guida

Al fine di orientare le scuole nelle procedure di adozione dei nuovi strumenti certificativi, il Comitato Scientifico Nazionale per le misure di accompagnamento alle Indicazioni/2012 per il primo ciclo ha elaborato e perfezionato in questi anni apposite “Linee Guida” che si allegano alla presente nota. Il documento fornisce il quadro culturale in cui inserire il tema della certificazione,illustra le connessioni tra il momento della certificazione e le azioni progettuali, didattiche e valutative ad esso connesse, presenta gli aspetti salienti degli strumenti da adottare. La certificazione delle competenze non rappresenta solamente uno strumento amministrativo che consente di ampliare l’informazione per i genitori, ma si configura soprattutto come documento che arricchisce e integra il profilo valutativo degli alunni prendendo in considerazione aspetti legati allo sviluppo progressivo di competenze “chiave”,per valorizzarne l’iniziativa, l’autonomia, la responsabilità. La compilazione dei modelli è il momento conclusivo di un processo educativo e formativo che stimola la ricerca di nuovi approcci didattici, coerente con un continuo ripensamento dell’intero curricolo, come auspicato dalle stesse Indicazioni Nazionali per il curricolo. Non esistono soluzioni precostituite, come ricordano le “Linee Guida”, ma si richiede un non formale lavoro di ricerca, di formazione, di riflessione, affidato alla professionalità dei docenti e dei dirigenti scolastici. In quest’ottica, e tenuto conto delle novità introdotte nella valutazione degli apprendimenti per le scuole del primo ciclo, già oggetto di nota informativa prot. 1865 del 10 ottobre 2017, le Linee guida sono state aggiornate ed integrate, per promuovere una più condivisa cultura della valutazione.

   

BOZZA RELAZIONI SINDACALI COMPARTO ISTRUZIONE E RICERCA - PERIODO 2016/2018

Scritto da Rosario Ognibene

Contratto scuola

Bozza di intesa sulle relazioni sindacali

Il 4 gennaio 2018 si è tenuto all’Aran l’incontro con le parti sociali per il nuovo contratto scuola. Considerata la peculiarità delle istituzioni scolastiche, le organizzazioni sindacali hanno espresso la loro contrarietà alla proposta di estendere anche alla scuola il testo per cui si è trovato già l’accordo relativamente alle Funzioni Centrali. Il nuovo incontro fra le parti è previsto per giovedì 11 gennaio 2018 alle ore 14.00.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Bozza ARAN 4 gen 2018.pdf)Bozza ARAN 4 gen 2018.pdf883 Kb
   

Altri articoli...

Pagina 1 di 9